Etichette criogeniche a trasferimento termico per provette e fiale congelate – 0.9″ x 0.5″ + 0.5″ Wrap #L2FSA-314NPNON

SKU: L2FSA-314NPNOT
Marca: CryoSTUCK®
Classe: L2FSA

$88.80 usd

Descrizione

CryoSTUCK® – Etichette criogeniche a trasferimento termico per provette e fiale congelate

  • Le etichette possono aderire rapidamente a fiale, tubi* e scatole di conservazione crio già congelati (non è necessario scongelarli)
  • Ideale per la conservazione a lungo termine in condizioni criogeniche (-196 ° C / -321 ° F)
  • Stampabile con tutte le comuni stampanti a trasferimento termico
  • Resistente all'immersione in bagni d'acqua riscaldati

Queste etichette CryoSTUCK sono appositamente progettate per essere applicate direttamente e aderiscono in modo efficiente su fiale e provette in plastica e vetro congelate (-80°C/-112°F). Inoltre, queste etichette sono dotate di un rivestimento trasparente che protegge la stampa. Queste etichette criogeniche per superfici congelate sono adatte per la conservazione a lungo termine in azoto liquido in fase liquida e vapore (-196°C/-321°F), congelatori a bassissima temperatura (-80°C/-112°F) e trasporto di ghiaccio secco. Possono anche resistere a temperature fino a +100°C (+212°F) in ambienti umidi e asciutti, che include anche l'immersione in un bagnomaria a 37°C per lo scongelamento e l'incubazione di campioni e reagenti, nonché in un bagnomaria a 56°C C bagnomaria per l'inattivazione del campione. Queste etichette criogeniche a trasferimento termico sono destinate a bio-banche, bio-repository, organizzazioni di ricerca, aziende biofarmaceutiche, ospedali, biotecnologie e centri di ricerca sul cancro, laboratori di diagnostica molecolare e qualsiasi struttura in cui è necessaria l'identificazione del campione congelato o del reagente.

Possono essere stampate con tutte le comuni marche di stampanti a trasferimento termico per ottenere una stampa nitida, a prova di sbavature e resistente alla maggior parte degli alcol da laboratorio standard. Possono anche essere scritti con i nostri pennarelli criogenici. Su fiale e provette, si consiglia di applicare queste etichette CryoSTUCK con una sovrapposizione di almeno 0.45 pollici per garantire una corretta aderenza alla superficie congelata.
* Si consiglia vivamente di testare queste etichette sulle fiale/provette dell'utente finale.

Specifiche

Misura   Involucro da 0.9 "x 0.5" + 0.5".
(22.9 mm x 12.7 mm + 12.7 mm)

Area stampabile (L x A):   0.9 "x 0.5"
(22.9mm x 12.7mm)

Etichette / rotolo:   2000 (3″ nucleo), 2000 (1″ nucleo)

perforati:   Non

Rilevamento multimediale:   Notch

Range di temperatura:   -196 ° C a + 100 ° C
(da -320.8°F a 212°F)

min. Temperatura di applicazione:   -80 ° C
(-112°C)

Adesivo:   Permanente

Metodo di stampa:   Trasferimento termico

Caratteristiche:   Fessura posteriore, fiale congelate, avvolgente

Resistenze:   Criogenico (-196°C), Congelamento (-80°C)

Nastri di inchiostro consigliati:   RR-Class

Classe:   L2FSA

Marca:   CryoSTUCK®

Colori):   White

Recensioni

Nessuna recensione trovata

Domande frequenti

Sì, le etichette termiche CryoSTUCK® richiedono un nastro inchiostrato a trasferimento termico per ottenere la stampa corretta. Queste etichette richiedono un Classe RR nastro inchiostrato della stessa larghezza o maggiore adatto alla stampante a trasferimento termico in uso.

Sì, le nostre esclusive etichette CryoSTUCK sono ora disponibili in formato foglio per la stampa con stampanti laser. Per le nostre etichette Laser CryoSTUCK, fare clic su qui.

Sì, le etichette CryoSTUCK sono state appositamente progettate per l'etichettatura di fiale e provette già congelate. Queste etichette criogeniche possono essere applicate a -80°C/-112°F, eliminando la necessità di scongelare campioni preziosi.

Sì, le etichette CryoSTUCK possono essere utilizzate per etichettare i campioni prima di conservarli in congelatori a bassa temperatura e serbatoi di azoto liquido.

No, le etichette CryoSTUCK hanno un adesivo extra permanente che non è fatto per una facile rimozione. Per soluzioni criogeniche rimovibili, vedere qui.

Si prega di consultare il nostro utile guida alle taglie, dove troverai consigli per le dimensioni di fiale / provette più comuni.

Codici a barre e progettazione di etichette Software può essere utilizzato per creare modelli conformi alle dimensioni dell'etichetta. È quindi possibile inserire elementi di design all'interno del modello per una facile stampa.

No, non consigliamo le nostre etichette CryoSTUCK standard per questo scopo. Per coprire le etichette esistenti, il nostro oscuramento CryoSTUCK le etichette nasconderanno informazioni preesistenti, mentre le nostre cancella CryoSTUCK le etichette possono essere applicate su un'etichetta esistente, fungendo da laminato per rinforzarla.

No, le fiale possono essere conservate in azoto liquido (-196°C/-321°F) o congelatori a bassissima temperatura (-80°C/-112°F) subito dopo l'applicazione dell'etichetta, senza richiedere tempo di polimerizzazione.

Sì, queste etichette CryoSTUCK sono resistenti all'immersione in bagni d'acqua a 37°C e 56°C per lo scongelamento, l'incubazione e l'inattivazione di campioni e reagenti.

Sì, le etichette CryoSTUCK (etichette di classe L2FSA) resistono a temperature elevate, fino a +100°C (+212°F) in ambienti asciutti e umidi. Pertanto, oltre ad etichettare le provette congelate, è anche possibile preparare campioni per Western Blot e altre procedure che richiedono l'incubazione a calore elevato.

Per un'adesione ottimale, rimuovere la brina visibilmente accumulata con un panno monouso pulito e privo di pelucchi (ad es. KimWipe™). Applicare prima il bordo dell'etichetta e premere con decisione per ancorarla evitando il contatto eccessivo con l'adesivo. Se hai un CryoSTUCK avvolgente, applica prima l'area stampabile. Quindi premere saldamente l'etichetta in posizione lungo l'intera circonferenza della fiala. Queste etichette CryoSTUCK a trasferimento termico (etichette di classe L2FSA) richiedono una sovrapposizione di almeno 0.45″ per produrre un'adesione sicura a fiale e tubi congelati.

Sì, le etichette RFID CryoSTUCK (classe RF3-L2FSA) sono adatte per superfici piane, comprese le scatole di cartone di conservazione criogenica, che non richiedono una sovrapposizione per una corretta adesione.

Prodotti consigliati